«

»

feb
02

Gli S-vincoli Idrogeologici del Lotto 6A

Sono bastate due giorni di pioggia per trasformare l’area alluvionale intorno al Fiume Mignone in palude.

A Tarquinia lo sanno tutti che quell’area è alluvionale tanto che nessuno si stupisce di vedere l’acquitrino davanti al sottovia, realizzato dalla SAT per collegare la zona della Farnesiana con quella di Pantano, con il rischio che diventi l’unica via di fuga dell’acqua di un’eventuale alluvione.

Non serve essere ingegneri idraulici per capire che la trasparenza idraulica non è stata rispettata, il Mignone è li da sempre che cosa possiamo aspettarci se non l’ennesima tragedia annunciata?

I residenti vedono quel sottovia come un una trappola, convinti che le acque del Fiume Mignone lo utilizzeranno come l’unico punto di sfogo delle acque.

Nei prossimi giorni sarà depositata alla procura della repubblica tutto il materiale fotografico realizzato nell’area del sottovia, che è ancora in fase di realizzazione.